SMALTO E ALTRO

23/08/2015

SMALTO E ALTRO

Le disse non piace stare così e così,
non sono abituato
è come avere la testa in un acquario,
le disse guardami le braccia
sono così forti da poterti proteggere e
così deboli da potermi distruggere,
le disse non ho altro da dire,
lei soffiava sulle dita un giallo impossibile
e il pomeriggio stava diventando sera.
Immaginai solo il cartello di dare la precedenza e aspettai le stelle.

Tag: